Radio Missione Francescana e Varese 2.0 organizzano : riflessione pubblica su "LA CURA DELLA CASA COMUNE"




Venerdì  sera 2 ottobre alle ore 21,00, siamo tutti invitati presso  il Convento dei Cappuccini di Viale Borri, a Varese , per  riflettere insieme, laici e credenti , sull’Enciclica di Papa Francesco, Laudato si’.
L’evento  nasce dalla  collaborazione tra RMF ( l’emittente radiofonica del convento)  e Varese 2.0 ; ci introdurranno  alla comprensione dell’Enciclica, ciascuno dal proprio  particolare angolo di osservazione e con la propria personale sensibilità,  Mons. Peppino Maffi, Mario Agostinelli, Guido Viale, padre Alex Zanotelli, padre Gianni Terruzzi e Valerio Crugnola.

Sarà certamente  un evento speciale per Varese e ciascuno di noi, per  il tema,  gli ospiti e l’imminente ricorrenza di Francesco d’Assisi, il cui amore  per il creato ha ispirato L’Enciclica, e Papa Francesco lo chiarisce fin dalle prima righe, laddove scrive:1. «Laudato si’, mi’ Signore», cantava san Francesco d’Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune è anche come una sorella, con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia: «Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba».
2. Questa sorella protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. La violenza che c’è nel cuore umano ferito dal peccato si manifesta anche nei sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell’acqua, nell’aria e negli esseri viventi. Per questo, fra i poveri più abbandonati e maltrattati, c’è la nostra oppressa e devastata terra, che «geme e soffre le doglie del parto» (Rm 8,22). Dimentichiamo che noi stessi siamo terra (cfr Gen 2,7). Il nostro stesso corpo è costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora".

Venerdì rifletteremo  proprio sul “male che abbiamo provocato “  a “sora nostra matre terra “ e  sui comportamenti virtuosi che siamo chiamati ad assumere per riparare ai danni fatti perché non ne sia stravolto l’equilibrio e messa in discussione la stessa sopravvivenza.
L’ Enciclica si conclude con le due preghiere che vi propongo di seguito, con l’auspicio che la loro lettura possa  aiutarci ad entrare più profondamente nello spirito dell’iniziativa e nella condivisione del messaggio di Francesco.

LETTERA ENCICLICA 
LAUDATO SI’ 
DEL SANTO PADRE 
FRANCESCO 
SULLA CURA DELLA CASA COMUNE
( clicca qui per andare al testo dell’Enciclica)
246. Dopo questa prolungata riflessione, gioiosa e drammatica insieme, propongo due preghiere, una che possiamo condividere tutti quanti crediamo in un Dio creatore onnipotente, e un’altra affinché noi cristiani sappiamo assumere gli impegni verso il creato che il Vangelo di Gesù ci propone.

Preghiera per la nostra terra
Dio Onnipotente,
che sei presente in tutto l’universo
e nella più piccola delle tue creature,
Tu che circondi con la tua tenerezza 
tutto quanto esiste,
riversa in noi la forza del tuo amore
affinché ci prendiamo cura 
della vita e della bellezza.
Inondaci di pace, perché viviamo come fratelli e sorelle
senza nuocere a nessuno.
O Dio dei poveri,
aiutaci a riscattare gli abbandonati 
e i dimenticati di questa terra
che tanto valgono ai tuoi occhi.
Risana la nostra vita,
affinché proteggiamo il mondo e non lo deprediamo,
affinché seminiamo bellezza
e non inquinamento e distruzione.
Tocca i cuori
di quanti cercano solo vantaggi
a spese dei poveri e della terra.
Insegnaci a scoprire il valore di ogni cosa,
a contemplare con stupore,
a riconoscere che siamo profondamente uniti
con tutte le creature
nel nostro cammino verso la tua luce infinita.
Grazie perché sei con noi tutti i giorni.
Sostienici, per favore, nella nostra lotta
per la giustizia, l’amore e la pace.


Preghiera cristiana con il creato
Ti lodiamo, Padre, con tutte le tue creature,
che sono uscite dalla tua mano potente.
Sono tue, e sono colme della tua presenza 
e della tua tenerezza.
Laudato si’!
Figlio di Dio, Gesù,
da te sono state create tutte le cose.
Hai preso forma nel seno materno di Maria,
ti sei fatto parte di questa terra,
e hai guardato questo mondo con occhi umani.
Oggi sei vivo in ogni creatura
con la tua gloria di risorto.
Laudato si’!
Spirito Santo, che con la tua luce
orienti questo mondo verso l’amore del Padre
e accompagni il gemito della creazione,
tu pure vivi nei nostri cuori
per spingerci al bene.
Laudato si’!
Signore Dio, Uno e Trino, 
comunità stupenda di amore infinito,
insegnaci a contemplarti
nella bellezza dell’universo,
dove tutto ci parla di te.
Risveglia la nostra lode e la nostra gratitudine
per ogni essere che hai creato.
Donaci la grazia di sentirci intimamente uniti
con tutto ciò che esiste.
Dio d’amore, mostraci il nostro posto in questo mondo
come strumenti del tuo affetto
per tutti gli esseri di questa terra,
perché nemmeno uno di essi è dimenticato da te.
Illumina i padroni del potere e del denaro
perché non cadano nel peccato dell’indifferenza,
amino il bene comune, promuovano i deboli,
e abbiano cura di questo mondo che abitiamo.
I poveri e la terra stanno gridando:
Signore, prendi noi col tuo potere e la tua luce,
per proteggere ogni vita,
per preparare un futuro migliore,
affinché venga il tuo Regno 
di giustizia, di pace, di amore e di bellezza.
Laudato si’!
Amen.
Dato a Roma, presso San Pietro, il 24 maggio, Solennità di Pentecoste, dell’anno 2015, terzo del mio Pontificato.

Franciscus

Commenti

Post popolari in questo blog

Il presepe di Greccio - Fonti Francescane capitolo XXX

Giornata della Memoria, 2019

Si chiude oggi la Settimana di preghiera per l'Unità dei cristiani.

La buona politica è al servizio della pace !